Permaculture Alkemik Design Studio

Vivere in connessione ed in armonia con tutti gli elementi della Natura


Leave a comment

Tessuto “arancioso”

Trasformano gli agrumi in tessuto: sul podio mondiale delle start up 2 catanesi

Adriana ed Enrica di Orange Fiber premiate a Copenaghen in presenza del principe danese Joachim

orange_1--620x420CATANIA- Una delle idee imprenditoriali più creative del mondo è stata «pensata» da due ragazze siciliane. Sono state premiate a Copenaghen le idea innovative. E Adriana Santanocito ed Enrica Arena, due ragazze di Catania, con la loro Orange Fiber si sono guadagnate un posto sul podio. Tra i finalisti c’erano più di 40 paesi dall’Austria all’Arabia i cui competitor erano stati scelti prima su base nazionale. E l’Italia aveva mandato le due giovani siciliane che hanno deciso di trasformare gli scarti della lavorazione (alimentare) degli agrumi in tessuto.

TESSUTO «ARANCIOSO» – Un’idea carina e autosostenibile visto che unisce il riciclo all’amore per l’ambiente alla vera e propria “economia” (usare scarti per farne tessuto significa pagare praticamente zero le materie prime). Premiate dal principe di Danimarca Joachim, le ragazze sono arrivate tra i primi 5. . Ad aggiudicarsi il primo posto è stato Teddy the Bear dalla Croazia, l’orsacchiotto di peluche altamente tecnologico che permette di monitorare lo stato di salute dei bambini grazie a sofisticati sensori al suo interno. Il secondo posto è andato alla Germania con Kinematics, una startup tedesca per la creazione di robot modulari e il terzo all’Arabia Saudita con Uatooq, un dispositivo che permette di preparare l’elaboratissimo caffè arabo in 3 minuti netti.

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/catania/notizie/cronaca/2013/22-novembre-2013/trasformano-agrumi-tessuto-podio-mondiale-start-up-2-catanesi-2223687271967.shtml?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

Simile:

La stilista Suzanne Lee mostra i suoi esperimenti per coltivare un materiale a base di kombucha che può essere usato come tessuto o pelle vegetale per creare dei vestiti. Il processo è affascinante, i risultati bellissimi (anche se c’è ancora un piccolo inconveniente…) e il potenziale è semplicemente sensazionale.

http://www.ted.com/talks/suzanne_lee_grow_your_own_clothes.html