Permaculture Alkemik Design Studio

Vivere in connessione ed in armonia con tutti gli elementi della Natura


Leave a comment

MISWAK – Lo spazzolino naturale per sbiancare i denti e che previene le carie

Questo spazzolino si ottiene dalla radice di una pianta che si chiama Salvadora Persica, la quale si trova in alcune parti dell’Africa e del medioriente. Quante volte vedendo alcuni documentari su popolazioni indigene abbiamo pensato “come sono bianchi i loro denti”, seguiti da un pensiero negativo, il quale ci portava a pensare che i nostri avi, erano predisposti alle carie poiché all’epoca non esistevano dentrifrici. In realtà questa radice in commercio e acquistabile anche su piattaforme quali amazon alla modica cifra di 10-11 euro, ha delle proprietà miracolose.

Questa pianta, ma in particolare questa radice possiede proprietà antisettiche, detergenti e astringenti. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15224592 (fonte scientifica). In poche parole si tratta di uno spazzolino naturale che non richiede dentrifricio.

Il bastoncino va lievemente morso in punta e poi morso ripetutamente fino a che non formi delle setole, in seguito, si usa come un normale spazzolino, ma anche come stuzzicandenti. Ha un azione fortemente sbiancante ed é in grado di rimuovere qualsiasi macchia, ha un azione acidificante sul tartaro e puramente antibatterica , per cui chi lo utilizza sente un lieve bruciore sulle labba, ma é definibile nemmeno come dolore. Inoltre previene le carie e stimola la circolazione gengivale. Dopo due giorni, appena le setole si colorano, si deve buttare quel pezzo di bastoncino e rosicchiarne un altro

Advertisements


Leave a comment

16 alimenti che aiutano a bilanciare i nostri ormoni

La nostra pelle del viso è particolarmente esposta e soggetta ai danni che è subito evidente, ma non sono solo i fattori esterni come le radiazioni UV e l’inquinamento a danneggiare la nostra pelle . Anche quello che mangiamo influenza il nostro equilibrio ormonale , causa l’acne , e crea o migliorare l’infiammazione della pelle e poco alla volta invecchia la pelle. Gli ormoni nel nostro corpo ha un ruolo molto importante, il nostro corpo si basa sugli ormoni per funzionare correttamente . Dato che sono così importanti per noi, per funzionare correttamente , la loro mancanza fa sì che i nostri corpi iniziamo a smettere di funzionare. Come possiamo bilanciare gli ormoni del nostro corpo grazie all’alimentazione?

Quindi, diamo uno sguardo alle migliori 16 alimenti per bilanciare gli ormoni:

Olio di cocco – . L’olio di cocco è sicuramente uno degli alimenti più efficaci per iniziare a riequilibrare il nostro organismo e a ottenere benefici sulla pelle. Questo olio fornisce al vostro corpo gli elementi essenziali per la produzione di ormoni . Gli studi hanno dimostrato che le popolazioni che hanno una dieta ricca di noci di cocco sono tra le persone più sane e più giovani al mondo. Per esempio gli isolani Tokelauani del Sud Pacifico.Il miglior modo per inserirlo nella nostra alimentazione è di utilizzarlo a crudo.

Mandorle – Mandorle sono ricche di vitamina E, che aiuta a migliorare l’aspetto e la condizione della vostra pelle ; ma anche di aiutare a proteggere la pelle dai dannosi raggi UV del sole . Esse contengono anche zinco , che bilancia il vostro umore . I volontari che hanno consumato 14 milligrammi di vitamina al giorno (circa 20 mandorle) e poi sono stati esposti ai raggi UV , si sono bruciati meno di quelli che non le hanno consumate. La vitamina E è conosciuta anche per essere un antiossidante che mantiene le arterie pulite dall’effetto dei dannosi radicali liberi .

3 Uova – Le uova hanno dimostrato di aumentare i livelli di colesterolo HDL. Questo tipo di colesterolo è d’aiuto per il bilanciamento degli ormoni . Le uova sono anche una fantastica fonte di proteine,ricche di vitamine, colina , luteina , e iodio , che sono importanti per le mantenere una pelle sana.

foto s687

4 Alimenti integrali – Alimenti ricchi di vitamine del gruppo B che promuovono la produzione di cellule , rendendo così la vostra pelle più radiosa, e controllano i livelli della serotonina, l’ormone legato anche all’umore.

Acqua di cocco – Dicono che il modo più efficace per idratare è partire dall’interno, quest’acqua è ricca di antiossidanti che aiutano a mantenere lontani i radicali liberi.

Curcuma – La curcuma è nota per i benefici legati agli ormoni sessuali maschili e femminili.

Broccoli –  Favoriscono l’equilibrio ormonale del nostro corpo, ricchi di vitamina C e vitamina E, aiutano nella produzione di collagene e nella protezione dai raggi UV.

Acqua – L’acqua è essenziale per la salute del vostro corpo . Ogni cellula del nostro corpo ha bisogno di acqua per rimanere sana, si parla di 8 bicchieri al giorno.

9 Arance –  Le arance hanno un alto contenuto di vitamina C necessario per creare collagene e ​​aiutare a fermare i radicali liberi.

10 Avocado – Alimento idratante, gli omega 9  aiutano a riparare le cellule danneggiate della pelle e calma gli arrossamenti e le irritazione . Ricco di fibre, potassio , magnesio , acido folico e vitamina E , C e B, tutti necessari a mantenere l’equilibrio ormonale nel corpo .

11 Verdure a foglia verde – Le verdure a foglia verde scuro come broccoli e spinaci hanno tanti antiossidanti anti-invecchiamento e alti livelli di luteina , che idrata la pelle e migliora l’elasticità .

12. Aglio – L’aglio contiene allicina , che aiuta a uccidere i batteri e virus nocivi nel vostro corpo , tra cui l’acne e altre infezioni della pelle .

13 Cioccolato fondente – Il cioccolato fondente idrata la pelle , riducendo arrossamento e rugosità . I flavonoli del cacao aiutano contro la stanchezza e gli effetti dell’invecchiamento .Oltre a questo riduce gli ormoni dello stress.

14 Kiwi – Un frutto ricchissimo di vitamina C, potassio e ottimo antiossidante.

15 Tè verde -Questa bevanda calmante è ricca di antiossidanti , e gli studi hanno rivelato che i composti polifenolici nel tè verde sono anti-infiammatori e aiutano nella lotta contro i tumori della pelle.

16 Noci – . C’è una ragione per cui le noci hanno la forma del cervello,  perché sono legate alla memoria, e vengono definite il cibo per la mente. Basta mangiarne un quarto di tazza che aumentiamo i livelli di melatonina e serotonina . Questi due neurotrasmettitori sono collegati all’ umore ,al  sonno e alle funzioni cognitive . In aggiunta a questo , le noci sono ricche di vitamine del gruppo B che aiutano ad avere una pelle più liscia, capelli più lucidi , occhi luminosi , e le ossa più forti.

http://ambientebio.it/16-alimenti-che-aiutano-a-bilanciare-i-nostri-ormoni/


Leave a comment

Crema Budwig: come si prepara e i benefici

crema budwig2

La crema Budwig, resa nota dalla dottoressa Kousmine nell’ambito di un regime alimentare naturale da lei ideato (metodo Kousmine), è ormai rinomatamente apprezzata come una delle colazioni più complete dal punto di vista nutrizionale. Come vedremo tra poco, infatti, si tratta di un’eccellente combinazione di ingredienti che insieme possono fornire al nostro organismo tutto quello di cui ha bisogno in particolare di prima mattina per affrontare la giornata con una buona dose di energia.

Preparare questa crema è molto semplice e veloce, ma è importante che tutti gli ingredientivengano utilizzati freschi e macinati al momentoper mantenere meglio le proprietà. Sconsigliato quindi preparare quantitativi più grandi di crema Budwig e conservarla poi in frigorifero per i giorni a venire.

INGREDIENTI

2 cucchiaini di semi oleosi (zucca, girasole, noci, mandorle, nocciole, ecc.)

2 cucchiaini di olio di semi di lino (o un cucchiaino e mezzo di semi di lino)

1 cucchiaio di cereali integrali (crudi e macinati freschi)

2 cucchiai di yogurt o di ricotta (in alternativa tofu per i vegani)

½ limone (succo)

1 (o mezza) banana matura o un cucchiaino di miele

frutto di stagione (o un mix di differenti frutti, circa 100 grammi)

Tenete presente che i quantitativi possono leggermente variare in base alla costituzione della persona e al suo appetito.

PREPARAZIONE

Per preparare questa crema è necessario avere un macinacaffè o un più moderno mixer adatto a triturare semi anche molto resistenti come quelli di lino. Con questo strumento bisogna macinare finemente semi oleosi e cereali integrali (meglio evitare il frumento che può essere allergizzante utilizzando invece avena, riso, orzo o grano saraceno). A parte si possono frullare gli altri ingredienti (la frutta può essere aggiunta anche a pezzi successivamente) fino a quando non si ottiene una crema omogenea. A questo punto si unisce insieme il tutto e si mangia subito in modo da ottenere, come già detto, il massimo dei benefici da questa preparazione che può essere accompagnata ad esempio da una buona tazza di té verde.

Esistono diverse varianti della crema Budwig e alternando la frutta di stagione, i semi oleosi e i cereali, non vi annoierete mai. Tra l’altro si può fare anche in versione salata, utilizzando al posto della frutta della verdura (sempre di stagione!).

I BENEFICI

Il più grande beneficio che offre la crema Budwig è senza dubbio il fatto di essere completa a livello nutrizionale. In questa combinazione di ingredienti troviamo tutto quello di cui il nostro organismo ha bisogno per funzionare al meglio: omega 3 e 6 (nei semi oleosi e nell’olio di lino), proteine (ricotta, yogurt o tofu), sali minerali e fibre (banana e altra frutta), carboidrati a lento rilascio (cereali integrali) e vitamine (succo di limone e frutta).

Chi ha sperimentato questa colazione sa che uno dei grandi vantaggi che offre è il fatto di saziare abbondantemente per tutta la mattinata permettendo così di arrivare all’ora di pranzo senza avere cali di energia.

Non vi resta che provare. Se non siete abituati a fare una colazione abbondante inziate con un quantitativo minore per abituare il vostro apparato digerente a lavorare bene anche di prima mattina.


Leave a comment

CURCUMA – strabiliante recupero da sintomi di demenza

CURCUMA: Studi Scientifici mostrano strabiliante recupero da sintomi di demenza
Se voi o una persona cara soffre del morbo di Alzheimer o di altre forme di demenza, una speranza di guarigione è da ricercarsi nella curcuma.

Sulla base dei recenti risultati di tre studi indipendenti, la curcuma, il cui principio attivo principale è la curcumina, ha il potere non solo di guarire il comportamento e i sintomi psicologici associati alla demenza, MA anche aiutare a portare alla completa guarigione della malattia in meno da pochi mesi!

Una tradizionale spezia da cucina che è stata usata abbondantemente in tutta l’India e Sud-Est asiatico per molti millenni, la curcuma è stata oggetto di innumerevoli studi scientifici negli ultimi anni.

Si è scoperto che i sistemi circolatorio, digestivo e neurologico del corpo, sono tutti positivamente influenzati dalla curcuma, e la lista apparentemente infinita di malattie per le quali la spezia è nota per fornire la guarigione è in continua espansione.

Questa è sicuramente il caso per quanto riguarda l’impatto della curcuma sulla salute cognitiva, come evidenziato da una nuova ricerca effettuata in Giappone.

Il medico capo al Kariya Toyota General Hospital e i suoi colleghi hanno valutato tre casi distinti che coinvolgono la curcuma ed è venuto ad alcune conclusioni affascinanti sul valore terapeutico della pianta.

In ogni caso, la curcuma si è dimostrata in grado sia di alleviare i sintomi di demenza che di migliorare le funzioni cognitive in generale.

“In uno studio condotto su tre pazienti con malattia di Alzheimer, il cui declino comportamentale e psicologico, sintomi della demenza cognitiva, sono stati gravi, esibendo irritabilità, agitazione, ansia, e apatia, la supplementazione con capsule di polvere di curcuma per più di un anno è stato trovato per essere associato con miglioramento dei sintomi “, ha scritto dello studio nel loro sommario gli autori.

“punteggio totale sulla Neuro-Psychiatric Inventory-breve questionario diminuito significativamente in entrambi acutezza di sintomi e onere della badante dopo 12 settimane di trattamento “, hanno aggiunto.

“Score sull’esame Mini-Mental State (MMSE) è salito di cinque punti (dal 12/30 al 17/30) in uno dei casi, e gli altri due casi, sono stati in grado di riconoscere la loro famiglia entro un anno di trattamento.”

Consumare solamente UN GRAMMO DI CURCUMA AL GIORNO PER TRE MESI, può portare a notevoli miglioramenti!
Così, mentre l’industria della malattia convenzionale continua a sprecare miliardi di dollari alla ricerca di una cura farmaceutica per la demenza, una semplice, poco costosa spezia da cucina a base di una pianta è già in grado di farlo.

Prendendo meno di un grammo, o circa un quarto di un cucchiaino, di curcuma in polvere o estratto ogni giorno, si scopre che è sufficiente a produrre strabilianti miglioramenti nei sintomi della demenza .

All’inizio di ricerca pubblicata sulla rivista Annals of Accademia indiana di Neurologia nel 2008 corrobora questo fatto, dopo aver scoperto che la curcuma possiede dei meccanismi antiossidanti, anti-infiammatori e disintossicanti naturali che aiutano a migliorare la memoria nei pazienti con demenza.

Consumare semplicemente più di questa spezia saporita come parte della propria dieta normale, in altre parole, ha il potenziale di trasformare completamente la salute del cervello e ridurre anche i peggiori sintomi di demenza.

Fonti

http://www.naturalnews.com/040858_turmeric_Alzheimers_Disease_dementia.html

Studio scientifico http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2781139/

http://www.vitasearch.com/get-clp-summary/40704


Leave a comment

Lumache nell’orto, come eliminarle con il caffè

Chi vuole coltivare in modo naturale, senza utilizzare prodotti chimici, si è spesso confrontato con il problema delle lumache (chiocciole e limacce), particolarmente ghiotte di ortaggi a foglia, come lattughe o cicorie, e capaci di annullare tante ore di lavoro e fatica. Per chi segue poi i principi della permacultura o dell’orto sinergico, dove gli sforzi sono tesi a ripristinare equilibri naturali, compresi quelli tra prede e predatori, contrastare queste bestioline ingorde spesso richiede diverso tempo e troppi raccolti sacrificati. Fortunatamente pare esistere una soluzione naturale in grado di eliminare le lumache senza danneggiare l’ambiente, vediamo di cosa si tratta.

Uno studio del Dipartimento del servizio di ricerca di Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha dimostrato che, per combattere chiocciole e limacce, particolarmente efficace risulta essere.. il caffè! Secondo questa ricerca, soluzioni contenenti caffeina, in concentrazioni anche modeste (come quelle dei caffè che beviamo solitamente), sono sufficienti per uccidere o allontanare le lumache.
La caffeina agisce per contatto, un vero veleno per le limacce, che ne risultano particolarmente sensibili, molto più di altri animali o insetti. Ciò permette una lotta mirata e specifica che non colpisce gli abitanti dell’orto utili, come i ragni, le coccinelle o le mantidi religiose.

Queste premesse sono state sufficienti per invogliarmi a fare un test: ho preparato un caffè concentrato con il quale ho bagnato delle limacce che dopo qualche ora erano quasi tutte morte. Finalmente, un trucco che funziona! Ho ripetuto l’esperimento diverse volte e ne ho concluso che anche un semplice caffè preparato con la moka può essere sufficiente per impedire alle lumache di mangiare le nostre verdure.

come eliminare lumache dall'orto

Questa tecnica ha però i suoi limiti. L’applicazione del caffè richiede tempo e accuratezza. La caffeina, essendo idrosolubile, si diluisce facilmente in caso di pioggia o rugiada mattutina e le applicazioni vanno ripetute regolarmente.

Procedimento:

  1. Preparare un caffè concentrato.
    Per esempio, fare bollire, in un pentolino, 100 gr di caffè in 0.5 l d’acqua per 10 minuti, lasciare raffreddare e quindi filtrare.
  2. Nebulizzare l’infuso sulle foglie.
    Utilizzando uno spruzzino, polverizzare il liquido sulle piante da proteggere avendo cura di raggiungere tutte le parti. Le lumache si nascondono spesso sotto le foglie.
  3. Ripetere l’operazione una volta al giorno per i primi tempi o dopo ogni pioggia.

L’utilizzo prolungato della caffeina come lumachicida è difficilmente compatibile con l’approccio della permacultura o dell’orto sinergico, ma rappresenta di certo una valida soluzione in fase transitoria, fintanto che non si stabilisce il naturale equilibrio tra gli ospiti nocivi e i loro predatori.

Nato e cresciuto a Ferrara, Cristiano Natati si è diplomato Maestro d’Arte nel 1992. Dall’adolescenza coltiva in parallelo la passione per l’informatica. Si occupa di grafica, progettazione software e siti internet.
Dopo aver vissuto a Parigi per dodici anni, è tornato in Italia, dove sta ristrutturando un’antica casa di contrada in zona pedemontana vicentina.
Ama la natura, in particolar modo i boschi, dove si perde volentieri alla ricerca di funghi. Sperimenta la permacultura nel suo orto. Quando è in casa invece, la sua stanza preferita è la cucina, soprattutto quando il forno a legna è acceso.

www.ortonaturale.it
Foto: © 2013 Cristiano Natati


Leave a comment

20 Practical Uses For Coca-Cola

To prove Coke does not belong in the human body, here are 20 practical ways you can use Coke as a domestic cleaner:

  1. Removes grease stains from clothing and fabric
  2. Removes rust; methods include using fabric dipped in Coke, a sponge or even aluminum foil. Also loosens rusty bolts
  3. Removes blood stains from clothing and fabric.
  4. Cleans oil stains from a garage floor; let the stain soak, hose off.
  5. Kills slugs and snails; the acids kills them.
  6. Cleans burnt pans; let the pan soak in the Coke, then rinse.
  7. Descales a kettle (same method as with burnt pans)
  8. Cleans car battery terminals by pouring a small amount of Coke over each one.
  9. Cleans your engine; Coke distributors have been using this technique for decades.
  10. Makes pennies shine; soaking old pennies in Coke will remove the tarnish.
  11. Cleans tile grout; pour onto kitchen floor, leave for a few minutes, wipe up.
  12. Dissolves a tooth; Use a sealed container…takes a while but it does work.
  13. Removes gum from hair; dip into a small bowl of Coke, leave a few minutes. Gum will wipe off.
  14. Removes stains from vitreous china.
  15. Got a dirty pool? Adding two 2-liter bottles of Coke clears up rust.
  16. You can remove (or fade) dye from hair by pouring diet Coke over it.
  17. Remove marker stains from carpet. Applying Coke, scrubbing and then clean with soapy water will remove marker stains.
  18. Cleans a toilet; pour around bowl, leave for a while, flush clean.
  19. Coke and aluminum foil will bring Chrome to a high shine.
  20. Strips paint off metal furniture. Soak a towel in Coke and lay it on the paint surface.

Now can you imagine what is does to your stomach lining? 

Who needs the ‘household and cleaning’ section at the hardware store when we have Coke.

Have you ever wondered what exactly Coca Cola is?

More info on the ingredients here


Leave a comment

Rimedi naturali contro la muffa in casa

Muffa. Basta la parola per cambiare l’umore di una persona. Siete finalmente riusciti a trovare i soldi per acquistare la vostra casetta, vi aggirate fra le sue mura tutti contenti e soddisfatti, quand’ecco che con orrore la vedete. Istintivamente vi domanderete cosa avete sbagliato, ma il problema è molto più comune di quanto si pensi: quotidianamente moltissimi di noi pongono l’angosciosa domanda: “Come posso combattere la muffa?”, nella speranza che qualche conoscente gli suggerisca un’invenzione degna di Archimede Pitagorico.

Sfortunatamente, molti sedicenti esperti di manutenzione casalinga offrono come suggerimento l’utilizzo della candeggina. Nulla di più sbagliato: le sue componenti possono portare la muffa a diffondersi ulteriormente, peggiorando il problema invece di risolverlo.

La muffa altro non è che un fungo che si manifesta sotto forma di macchie verdi o nere sulla superficie dei muri o dei soffitti, sui bordi delle finestre, sui mobili o sui tappeti, in bagno, in cucina e ovunque vi sia un elevato tasso di umidità. Le cause della sua diffusione possono essere rintracciabili anche in sistemi di riscaldamento non installati correttamente o poco efficaci. Ma questo non è il solo disagio. La muffa emana tossine nell’aria, dannose per gli esseri umani: i loro effetti si manifestano attraverso un indebolimento del sistema immunitario e con l’apparizione di difficoltà respiratorie. Certo, questo funghetto può avere anche proprietà positive – è essenziale per realizzare il brie e la penicillina, per esempio – ma è davvero fastidiosa, specialmente quando siespande incontrollata nelle nostre case.

Partiamo allora da alcune considerazioni di base, per essere preparati a combattere la nostra “crociata” contro la muffa.

1) Anche la muffa ha fame

In fondo, è un essere vivente e, in quanto tale, ha bisogno di nutrirsi; ebbene, i bagni le offrono un ricco menu. Nelle docce e ai bordi delle vasche, per esempio, non è inusuale vederla crescere fra le linee di cemento. La muffa si ciba, infatti, dei depositi di materiali organici che espelliamo quando ci laviamo, e che vengono assorbiti dal cemento nel momento in cui ci risciacquiamo e facciamo schizzare l’acqua.

Soluzione: far morire di fame la muffa (e non sentirsi assassini…)

Coprite sempre le mattonelle del vostro bagno, in modo tale che la muffa non abbia possibilità di iniziare a nutrirsi di eventuali residui. Questa semplice norma preventiva vi permetterà di evitare l’utilizzo di dannose sostanze chimiche per rimediare agli eventuali danni.

2) La muffa ha una cotta per l’umidità

Proprio come noi, non può vivere di solo cibo: ha bisogno anche di acqua, o meglio di vapore acqueo. Quando facciamo una doccia o un bagno caldo, il vapore si concentra sul soffitto, sulle pareti e perfino sulle piastrelle.

Soluzione: tenete il bagno asciutto con una ventola

Il miglior modo di evitare l’accumulo dell’umidità è installare una ventola in bagno. Probabilmente non sarà sufficiente dopo una lunga doccia: lasciate quindi la ventola accesa almeno 15 minuti dopo essere usciti dal bagno. Un timer sarebbe la soluzione ideale per essere sicuri di evitare inutili consumi energetici. Aziende come la Antec vendono modelli dotati di sensore che si azionano automaticamente quando entrate nella stanza e possono essere settati in modo tale da rimanere in funzione anche per un breve periodo dopo la vostra uscita (acquistabili a circa 15 euro su www.eplaza.it ).

Detersivo fai-da-te contro la muffa 

Si sa, in tempo di crisi, è sempre bene risparmiare euro preziosi quand’è possibile: ecco quindi alcune indicazione rapide e semplici per preparare un detersivo contro la muffa comodamente in casa propria:

  • Ingredienti: 
  • 700ml di acqua,
  • 2 cucchiai di acqua ossigenata da 30/40 volumi,
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio  
  • 2 cucchiai di sale fino.

Preparazione

  • Sciogliete il bicarbonato e il sale fino nell’acqua, quindi versate tutto in uno spruzzino che abbia la capacità di almeno un litro, per poter contenere anche l’acqua ossigenata in espansione.

Versate in un flacone, aggiungete l’acqua ossigenata e agitate bene prima dell’uso.

Applicate sulla superficie da trattare, magari aiutandovi con un vecchio spazzolino da denti per raggiungere i punti più difficili.

Altri accorgimenti da utilizzare

Se ancora non bastasse, ricordate di:

– non asciugare i vestiti in casa

– non esagerare con le piante da appartamento e non annaffiarle troppo

– montare cappe di aspirazione per le cucine

– evitare armadi a muro troppo ingombranti

 tenere la doccia pulita: se ve ne occupate solo una volta all’anno, dovrete indossare occhialoni protettivi e sperare che qualcuno dall’alto vi protegga

– tinteggiare le pareti con pitture a calce, che evitano il proliferare delle spore.

Ora sapete cosa fare, quindi… al primo segnale di muffa, scatenate l’Inferno!

http://www.greenme.it/abitare/eco-fai-da-te/6465-muffa-rimedi-naturali