Permaculture Alkemik Design Studio

Vivere in connessione ed in armonia con tutti gli elementi della Natura


Leave a comment

COMMUNITAS – AN ARTISTIC RESIDENCY AND PERMACULTURE EXPERIENCE BY THEALBERO IN CASALBORDINO, ABRUZZO.

Vai giu’ per la versione italiana!

 

Are communities liberating or oppressing by nature? The strong link among people in a community is inclusive or exclusive?

How can we experience community as the ideal of communitas*, being equal and free together? What brings us to feel freely and equal to others: is what we “have” in common or what “lack”, what “need” from each others?

In the modern society we are what we work, in a community we are what we belong to, in a communitas can we just be us, whatever it means?

How the kind of relations among people is connected with the kind of relation that we create with nature? What kind of relation with nature communitas has?

Can communitas be the “future archaic” paradigm for relations among people and between people and nature?

How can theater be a part for researching, reflecting, re-awaking communitas as living practice of the flesh?

How does all of this relate to the ideas and practice of permaculture? Is a permanent community-culture (in space and time) a betrayal for the basic idea of communitas?

We invite you to an artistic residency in the panoramic hills of Abruzzo, a spontaneous community that re-searches, re-creates, dialogues and performs communitas with theater, art and permaculture.

In the morning time we will design and work on the creation of a permaculture design of living food producing amphitheater, on the panoramic hill side of the hills of south Abruzzo.

The amphitheater would also be the set for our performance/ritual call, our midsummer dream.

In the afternoon we will take inspiration from texts, images and stories to explore with our bodies and our creative genius, the real and the ideal, community and communitas, fiction and realty, art and ritual.

In the evening we share stories, songs and poems, around the fire we enjoy and celebrate.

Dates: The first residency is in mid June (14th -21st ) and the second in mid July (6th -13th)

Participants: maximum 12

Fee: A symbolic offering of 70 euro

Accomodation: Is possible to camp on the grounds or we can help you find accommodation nearby

Food: We can cook and eat together

*The latin noun ‘Communitas’ is much explored and refered by sociologist, anthropologist and philosophers and often regarded as an unstructured community of equals or the very spirit of community.

APPLY NOW HERE: https://docs.google.com/forms/d/1KnboB1GhrJlXmXuwa7DTHBDDINcwUkuf5ix30RvLFgQ

 

Communitas – Una residenza artistica e un’esperienza di permacultura a cura di TheAlbero, a Casalbordino, Abruzzo, Italia

Le comunita’ sono liberatrici o oppressive? Il forte legame tra le persone di una comunita’ e’ inclusivo o esclusivo?

Come possiamo sperimentare la comunita’ come ideale di communitas, essendo uguali e liberi insieme? Cosa ci fa sentire liberi e uguali agli altri: e’ quello che ci accomuna o quello di cui abbiamo bisogno dagli altri?

Nella societa’ moderna siamo quello che facciamo come lavoro, in una comunita’ siamo quello a cui apparteniamo, in una communitas possiamo semplicemente essere quello che siamo, qualunque cosa significhi?

In che modo il tipo di relazioni tra persone influenza il tipo di relazioni che creaimo con la natura? Che tipo di relazione ha una communitas con la natura?

Puo’ una communitas essere il “futuro arcaico” paradigma di relazioni tra persone e tra persone e natura?

Che ruolo ha il teatro nella ricerca, nella riflessione, nel risveglio della communitas come una pratica vivente del corpo?

Cosa ha a che fare tutto questo con la permacultura? Una comunita’ permanente nello spazio e nel tempo e’ un tradimento dell’idea di communitas

Vi invitiamo a una residenza artistica sulle colline abruzzesi per essere una comunita’ spontanea che ri-cerca, ri-crea, dialoga e mette in scena circa la communitas.

Durante la mattina disegniamo e creiamo un anfiteatro di piante commestibili, ispirato alla permacultura, sulle colline abruzzesi. L’anfiteatro sara’ anche il luogo della nostra perfromance/rituale, il nostro sogno di mezza estate.

Durante il pomeriggio prendendo ispirazioni da testi, immagini e storie, esploriamo con i nostri corpi e il nostro genio creativo, il reale e l’ideale, la comunita’ e la communitas, la finzione e la realta’, l’arte e il rituale.

Durante la sera condividiamo storie, canzoni e poesie, celebrando lo stare insieme intorno al fuoco.

Date: Prima residenza 14-21 Giugno – Seconda residenza 6-13 Luglio

Partecipanti: max 12

Quota: contributo simbolico di 70 euro

Alloggio: e’ possibile mettere la tenda oppure possiamo aiutarvi a cercare un alloggio vicino

Pasti: possiamo cucinare e mangiare insieme

* Il nome latino ‘Communitas’ e’ stato indagato nel campo sociologico, antropologico e filosofico e spesso fa riferimento a una comunita’ non strutturata di uguali o al vero spirito della comunita’.

LINK:

https://www.facebook.com/Thealbero


Leave a comment

Percorso di Comunicazione Ecologica negli Ecovillaggi

Corso di Comunicazione Ecologica per tutti: ecovillaggisti, eremiti, cittadini, campagnoli, gruppi, coppie, singles … esseri umani! …che intendono prendersi cura delle relazioni con se stessi e con l’altro, con il partner e con il gruppo, con il mondo interiore e con quello fuori.

La Comunicazione Ecologica, ideata dal Prof. Jerome Liss, offre degli strumenti efficaci per cambiare le nostre abitudini comunicative, in modo da lasciare cadere quegli schemi che creano incomprensione e conflitto per sostituirli con nuove modalità che portano verso il rispetto e la compassione. Elementi importanti della Comunicazione Ecologica sono l’ascolto attivo e profondo, la critica costruttiva, l’empatia, la facilitazione e saper stare nel conflitto. Gli strumenti della Comunicazione Ecologica si acquisiscono con la pratica, nel gruppo, in coppie, nella meditazione e con il corpo, usando come base dell’apprendimento l’ esperienza diretta del singolo e della dinamica del gruppo. Per chi è interessato, ci saranno delle sessioni extra per occuparci delle dinamiche specifiche delle realtà comunitarie e della facilitazione.

Il corso si attiva con un minimo di dieci partecipanti (massimo venti) e ha un costo di 200 Euro. E’ possibile partecipare anche ai singoli incontri (eccetto l’ultimo) con un contributo di 60 Euro per il singolo incontro. Il costo per vitto è alloggio e definito dall’ecovillaggio ospitante e varia dai 40 ai 50 Euro. La RIVE offre due borse di studio per soci attivi con difficoltà economiche.

 

Il programma del corso prevede quattro incontri di due giornate (da venerdì sera a domenica pranzo), ognuno in un ecovillaggio diverso:

1) 8/9 marzo: La comunicazione come alternanza tra ascolto e messaggio:

Comprendiamoci meglio usando l’ascolto attivo e profondo e il messaggio rispettoso (Critica Costruttiva)

Luogo: LA CONTEA DEGLI ANGELI, Castell’Azzara (GR)

2) 5/6 aprile: Espressione delle emozioni: Possiamo dire come ci sentiamo se entriamo in contatto con le nostre emozioni (inclusi quelle difficili) e li facciamo fluire

Luogo: CHE PASSO!, Città di Castello (PG)

3) 3/4 maggio: Gestione del conflitto: Saper stare nel conflitto ci permette di sfruttare le situazioni di conflitto come occasioni di crescita e maggiore comprensione

Luogo: HABITAT, Gambassi Terme (FI)

4) 31 maggio/1 giugno: Relazionarsi con il mondo: Con l’aiuto del gruppo ognuno può esplorare le aree di difficoltà nella relazione con quello che abbiamo intorno (lavoro, famiglia, gruppo, mondo interiore …)

Luogo: IL VIGNALE, Blera (VT)

Per maggiori informazioni e iscrizioni (entro il 15 febbraio 2014) potete rivolgervi direttamente alla facilitatrice del corso:

Eva Lotz è Pedagoga Sociale, Facilitatrice accreditata in Comunicazione Ecologica, Formatrice e Counselor Relazionale. Dal 1995 abita nell’ecovillaggio Upacchi ed è membro attivo della Rete Italiana dei Villaggi Ecologici (RIVE) dalla fondazione della rete.

Email: evalotz@yahoo.it, tel: 0575 749323, cell: 331 6374085